Faglie, SMAV e la scuola Teresa di Calcutta

image_pdfimage_print
Tante richieste fatte per avere l’esito delle prove Smav, come se fossero un segreto, e poi il problema è proprio li a due passi, sempre attivo.
Non era il caso di studiare oltre i confini?

M5S inoltra una diffida, attendiamo l’esito delle prove SMAV

Purtroppo, è necessario ricorrere ad enti superiori per far valere il diritto di accesso agli atti del Consigliere Comunale a Tremestieri Etneo. Diritto che il Comune ha disatteso diverse volte. Infatti dopo regolare istanza, non è stato possibile prendere visione degli atti richiesti, né è arrivata alcuna comunicazione in merito. Tutto questo ostacola il lavoro del consigliere. Come forza di opposizione, lamentiamo non solo la poca trasparenza ma la mancanza di collaborazione, in tutti i sensi. Resta l’amarezza di saper che le cose dovrebbero funzionare diversamente. In ogni caso, dispiace rilevare lo strano clima presente nel Palazzo comunale. Per molte ragioni, infatti, è ormai evidente che al suo interno c’è qualcosa che non va in senso generale. Riassumendo; il Movimento 5 Stelle di Tremestieri Etneo, rende noto che a seguito delle scosse di terremoto del periodo tra ottobre e dicembre del 2018 ha predisposto due accessi agli atti, di cui al primo non è mai pervenuta una risposta e al secondo pur pervenendo risposta risulta sterile e priva di contenuti. La portavoce al consiglio comunale Simona Pulvirenti venendo a conoscenza che un tecnico, durante i suddetti controlli è caduto, atterrando su 3 bambini, tutti portati al pronto soccorso. In data 11 aprile 2019 decide di predisporre un interpellanza al sindaco. In data 30 aprile in consiglio comunale l’amministrazione risponde : Che la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile, venuta a conoscenza della presenza di una faglia nei pressi della Scuola Teresa di Calcutta,manifestava la propria volontà a partecipare, con proprio personale tecnico esperto, alle attività tecnico scientifiche al fine di investigare l’eventuale esistenza dell’emergenza della faglia al fine di valutarne la pericolosità. Si legge inoltre che l’edifico scolastico è parzialmente ricadente in una zona suscettibile di instabilità dall’esame della mappa delle microzone omogenee in prospettiva sismica sulla legenda si legge “area interessata da deformazioni dovute a faglie attive capaci. Nello specifico si tratta di un lineamento strutturale che attraversa con direzione NNO-SSE il centro abitato di Tremestieri Etneo(…).” La Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile esprimeva propria disponibilità ad eseguire, con propria strumentazione e tecnici, prove SMAV sull’edificio chiedendo all’Ente idonea assistenza in loco. L’amministrazione inoltra una nota alla scuola informando che giorno 10 aprile 2019 i tecnici della protezione civile eseguiranno delle prove di vibrazione ambientale coadiuvati dalla presenza di un operaio della ditta appaltante e che le suddette saranno effettuate dopo le 14 ma che durante la mattinata verranno istallate le attrezzature necessarie alle verifiche. La portavoce al consiglio comunale Simona Pulvirenti in data 6 giugno 2019 effettua una nuova richiesta di accesso agli atti proprio sul plesso scolastico Madre Teresa Di Calcutta in via Gulielmino chiedendo l’esito delle prove di vibrazione ambientale prove SMAV, richiesta reiterata in data 4 luglio 2019. M5S decide di inoltrare una DIFFIDA ad adempiere, chiamando in causa non soltanto la direzione competente ma anche il prefetto ed il segretario generale , sembra che per la prima volta vengono fatti dei rilievi e non se ne può conoscere l’esito? Afferma Simona Pulvirenti
Si tratta della scuola nota a livello nazionale come “Scuola sulla Faglia”!
La situazione per altro sembrerebbe ancora più grave perché alcune “voci di piazza” sostengono che alcune classi non siano sufficientemente vicine alle uscite di sicurezza e che i tempi di evacuazione siano superiori a quelli necessari.
Infine dice Simona Pulvirenti «Le richieste riguardavano la sicurezza dei bambini e il personale e non era certo una questione “politica”» – Ovviamente non posso basarmi sulle “voci di piazza” e per questo VOGLIO QUEL RAPPORTO!
M5S ha predisposto la diffida e farà perfino le denunce necessarie, ma VOGLIAMO QUEL RAPPORTO!
image_pdfimage_print